News

21 Settembre 2021

SOSTENIBILITÀ

DECRETO END OF WASTE: IL CARTONE DA RIFIUTO A RISORSA

Il riciclo è un elemento cardine nella transizione verso un’economia sostenibile, in grado di intervenire sul reperimento delle risorse trasformando un rifiuto in un bene utile a ulteriori processi produttivi. Per questo è importante stabilire a che condizioni, e per quali scopi, uno scarto cessi di essere tale per diventare materia prima secondaria o prodotto.

Il 24 agosto 2021 è entrato definitivamente in vigore il decreto End Of Waste che disciplina a livello nazionale i criteri per la cessazione della qualifica di rifiuto per la carta e cartone oggetto di raccolta differenziata. Un passo avanti importantissimo per l’industria cartaria, che rappresenta una risorsa strategica fondamentale per il Paese e mantiene la sua posizione di eccellenza nella transizione verso l’economia circolare.

Nello specifico, il decreto stabilisce le modalità e i criteri tecnici secondo i quali carta e cartone possono essere utilizzati nuovamente come prodotti, in nuovi cicli produttivi, e ne ridefinisce quindi la classificazione, rivalutando la concezione di rifiuto per lungo tempo associata a questi materiali. La carta e il cartone recuperati saranno riutilizzabili nell’industria cartaria, oppure in altre industrie che li utilizzeranno come materia prima.

Il decreto è stato firmato il 24 settembre 2020, e da allora le associazioni Comieco, Unirima e Assocarta hanno collaborato affinché entro il 24 agosto - data di ufficializzazione del decreto – l’intera filiera si adeguasse alle disposizioni fornite, comprendendo anche la rete impiantistica a valle della raccolta differenziata del materiale. I produttori di carta e cartone recuperati sono tenuti quindi ad applicare un Sistema di Gestione della Qualità che si ispira alla norma UNI EN ISO 9001, e che dovrà essere certificato da un organismo accreditato.

In aggiunta al lavoro svolto, le associazioni hanno costituito un Osservatorio permanente per valutare gli effetti del decreto, uno strumento di supporto alle amministrazioni delegate a monitorarne l’attuazione, potenziando il sistema di controlli degli impianti tramite campionamenti e analisi periodiche sui rifiuti e sul materiale recuperato. L’obiettivo dell’Osservatorio è quello di garantire che il prodotto delle attività di recupero rispetti i parametri di qualità e le specifiche tecniche necessarie per essere riutilizzato nell’industria cartaria.

“Abbiamo voluto sostenere e accompagnare gli impianti di recupero in questo percorso – ha commentato il Direttore Generale di Comieco Carlo Montalbetti – a ulteriore dimostrazione dell’efficienza dell’intera filiera cartaria che si conferma un’eccellenza nazionale e internazionale. Basti pensare che ha raggiunto e superato con 10 anni di anticipo gli obiettivi di riciclo fissati dall’UE e che, solo nel 2020, ha recuperato e avviato a riciclo quasi 3,5 tonnellate di carta e cartone”.

I numeri parlano chiaro, ma l’obiettivo già raggiunto dell’87% di riciclo negli imballaggi in carta deve essere, secondo il Direttore Generale di Assocarta Massimo Medugno, un punto di partenza per riflettere sulla necessità di migliorare ancora di più la gestione degli scarti e dei flussi di riciclo del cartone.

La strada verso la circolarità è ancora lunga. Per il momento, infatti, sono state stabilite le condizioni di cessazione della qualifica di rifiuto solo per alcune categorie di materiali, attraverso interventi normativi nazionali o europei. Per le altre tipologie di rifiuto che finora non sono state oggetto di norme, diventa sempre più urgente la definizione di nuovi decreti End of Waste adeguati alle loro specifiche esigenze operative e tecnologiche.

 

Fonti:

https://www.comieco.org/end-of-waste-carta-dal-24-agosto-in-vigore-il-nuovo-decreto

https://www.justconsulenza.it/end-of-waste-carta-e-cartone-chi-deve-adeguarsi/

https://www.sersysambiente.com/end-of-waste-a-che-punto-siamo/

Condividi su:

Torna alle news >

Altre news

INNOVAZIONE

29 Settembre 2021

I VALORI ESG COME INDICI DI REPUTAZIONE

L’attenzione verso temi come l’impatto ambientale, l’inclusione e le buone pratiche di governance di un’impresa ha portato a una profonda trasformazione del mercato: nascono i valori ESG.

DESIGN

14 Settembre 2021

IL CARTONE INCONTRA IL DESIGN

Esploriamo le ragioni della crescente disponibilità di mobili e oggetti in cartone, incoraggiata dalla domanda di sostenibilità e innovazione del mercato. 

INNOVAZIONE

07 Settembre 2021

DALLA PLASTICA ALLA CARTA: LE NUOVE BOTTIGLIE DELLA PAPER BOTTLE COMPANY

Le qualità sostenibili della carta conquistano anche il settore del beverage: la startup Paboco, in collaborazione con Coca Cola Company, brevetta una bottiglia prodotta con materiali a base cellulosica.

PRIVACY POLICY CREDITS
Cornelli Brand Packaging Experience Srl - p.i. 01745140192 - Rea CR-198181 - Cap. Soc. 150.000 euro i.v.
Cornelli Brand Packaging Experience Srl
p.i. 01745140192 - Rea CR-198181 - Cap. Soc. 150.000 euro i.v.
Cornelli Brand Packaging Experience Srl
p.i. 01745140192 - Rea CR-198181 - Cap. Soc. 150.000 euro i.v.